PROGETTO GIARDINO BOSCO URBANO IN PERMACULTURA

autore: Alepelle1968

TOPICS: URBAN ECOSYSTEMS AND MOBILITY

L'idea proposta è quella di creare un esempio di giardinaggio urbano in permacultura all'interno di uno spazio pubblico dato a disposizione dal Comune di Bergamo, creando un luogo di condivisione e partecipazione, di raccolta frutti, fiori ed essenze. L'obbiettivo è quello di creare una foresta commestibile la più vicina possibile ai modelli naturali, con grande biodiversità, diversi livelli di vegetazione e diverse funzioni per ciascun elemento introdotto.
Si vuole anche dar risalto ai vari frutti nelle diverse stagioni in particolar modo a frutti della tradizione e quindi resistenti alle malattie e che non necessitano di interventi chimici, alle fioriture in periodi diversi e alla conseguente maturazione dei frutti, ai profumi delle aromatiche per creare anche percorsi olfattivi. L'idea è anche quella di offrire un luogo sicuro per gli uccellini e attirare insetti utili come api, farfalle e coccinelle creando di fatto un ecosistema permanente.
SITUAZIONE
Prato dimensioni 35 x 20 mt in leggera pendenza Ovest - Est
Lato lungo Nord delimitato da siepe di Piracantha davanti a recinzione abitazione privata
Lato corto Est con rientranza di 3.5 mt panchina presente Viburno vicino a entrata e Farnia
Lato lungo Sud con passaggio pedonale
Lato corto Ovest delimitato da recinzione. Presenti Cornus, Forsitia x Intermedia, due Acer e un Viburno
Fontanella accanto all'ingresso del parco
Attualmente il prato, la siepe e gli arbusti richiedono costante manutenzione.
PROGETTO
Nord: alberi alti (ciliegio, noce, melo cotogno o pero, susine) intervallati da arbusti come noccioli, maggiociondolo, sambuco, corniolo, corbezzolo
Davanti agli alberi alti, alberi medi (caco, gelso, fico dottato, giuggoli e nespoli, melograno, albicocco, mandorlo)
Est (panchine) spalliere di piccoli frutti (more, lamponi, schisandra, aronia)
Ovest: Spalliera di actinidia arguta
Nel prato, a ferro di cavallo con aperture verso il boschetto: siepe/bordura di fiori, insettarie e aromatiche
OPPORTUNITA' E ASPETTATIVE
- Fondi acquisto piante raccolti in occasione di feste di compleanno ed altri eventi
- Forza lavoro coinvolta attraverso incontri e diffusione del progetto
- Piante autoctone reperite presso il vivaio regionale, aromatiche e piccoli frutti donati da partecipanti, piante antiche acquistate presso vivai specializzati
- Foglie secche degli alberi del parco, residui di potature (cippato) del servizio manutenzione comunale o dai giardini dei vicini
- Presenza costante di persone che possono sempre incrementare il verde con apporti personali
- Aumento dell'autoproduzione di cibo con conseguente risparmio economico e limitazione di risorse esterne
- Ecologia: l'autoproduzione limita l'utilizzo di plastica per il packaging che così non solo non deve essere riciclata, ma nemmeno essere prodotta
- Modello di orto urbano che può essere riprodotto in tutte le situazioni e anche in spazi più limitati come ad esempio una piccola aiuola

Parole chiave: permacultura, replicabilità, ecosistema