DOMANI – MODULO ABITATIVO SPERIMENTALE

autore: Andrea

TOPICS: CIRCOLARITÀ DEI MATERIALI

Domani è il nome di una casa vincitrice del Consulto ECOLUOGHI 2017/2018 - Case per un’ abitare sostenibile, bandito dal Ministero dell’Ambiente della Tutela del Territorio e del Mare, Associazione Mecenate 90, Unioncamere. La possibilità di intervenire nella città esistente con l’addizione di porzioni incrementali, oggi definite addizioni volumetriche apre nuovi scenari dove architettura ed economia si incontrano: sono necessarie nuove idee per pensare a costruzioni leggere, modulari, smontabili, trasportabili, flessibili..., che si aggiungano con discrezione al territorio costruito per ridisegnare il paesaggio urbano, prestando attenzione alle risorse. Lo strumento dell’addizione volumetrica può racchiudere in sé la risposta a tutte le esigenze che un edificio esistente si troverà ad affrontare domani dal punto di vista energetico, strutturale, economico, sociale: permette di riprogettare, ricostruire, curare, ridefinire, riorganizzare, densificare porzioni di città, in funzione delle necessità di una comunità. E’ l’idea di una progettazione per strati, individuati dal progettista e riconoscibili dall’utente, semplici, disassemblabili, componibili per funzioni compatibili. Ogni strato è una risposta a una necessità, ha una sua durata nel tempo, ha una sua incidenza economica.
Domani è l’idea di una casa del futuro:
-semplice, perché valorizza l’efficacia delle scelte compositive con l’efficienza delle scelte tecnologiche, usa di meno per ottenere di più. domani è uno spazio abitativo semplice pensato per soddisfare le necessità degli abitanti: esattezza, flessibilità, essenzialità, minimo, sobrietà, sono le chiavi di lettura del processo di progetto
-circolare, perché riprende gli ecosistemi, che sfruttano la fisica e le materie prime che hanno a disposizione per soddisfare con efficacia le necessità e promuovere l’efficienza energetica e strutturale.
Partner per la costruzione di domani sono Costruire leggero srl, Knauf Italia, Porcelanosa Grupo, Manni spa, Vanoncini spa, Alpac spa, Schüco spa, Eubiq srl, Artemide, Maggioli spa.

• Luogo Ex Macro Testaccio- ROMA
• Fonte e/o Programma di finanziamento MINISTERO DELL’AMBIENTE DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE
• Anno di realizzazione 2018
• Progettisti LABORATORIO DI ARCHITETTURA Arch. Roberta Casarini, Arch. Andrea Rinaldi (Reggio Emilia)
DUE TERZI Ing. Marco Ruggeri, lng. Elena Cattani (Reggio Emilia)

Parole chiave: Addizioni volumetriche, economia circolare, housing