Il territorio del PLIS Madonna dei Campi come ambito strategico di valorizzazione territoriale

autore: morlor

TOPICS: CONFINE, ECOSISTEMI URBANI E MOBILITÀA

Il caso riguarda la progettualità per Bergamo nell’ambito del Bando Comunità Resilienti 2016 di Fondazione Cariplo che ha attivato un approccio innovativo basato sulla condivisione tra i soggetti proponenti e le comunità locali delle tematiche da sviluppare e realizzare all’interno del Parco Agricolo Madonna dei Campi. Il progetto CERCA BG, acronimo di Cittadinanza, Ecologia, Risorse, Comunità e Ambiente Bergamo, richiama i temi essenziali sviluppati in tale ambito territoriale mediante l’approfondimento dei delicati rapporti che intercorrono tra resilienza e paesaggi agrari culturali, e il ruolo delle comunità nei confronti del loro territorio; un insieme complesso di fattori in cui le trasformazioni sono il risultato di interazioni dinamiche tra componenti differenti, non sempre dialoganti. Lo studio del contesto ha evidenziato che l’attuale paesaggio culturale agrario è il risultato di una lunga tradizione d’uso dei terreni, di stratificazioni e sovrapposizioni di interventi umani che rappresentano un patrimonio storico rurale, materiale e immateriale, da considerare oggi come portatore di sviluppo sostenibile; un modello di uso del territorio associato ad alti valori di resilienza, complessità e diversità, sia biologica che culturale. Un paesaggio culturalmente consolidato, ma anche sistema polifunzionale fragile, poiché soggetto a numerose pressioni e minacce.
Il progetto ha promosso una strategia ‘pilota’ di valorizzazione multidisciplinare di tale ambito agricolo per la messa a sistema dell’ampio spettro di servizi ecosistemici che questa realtà può fornire alle comunità locali, in un’ottica sinergica di promozione e tutela del “capitale naturale” in esso custodito. Innovativa è risultata la scelta di attivare una collaborazione tra Comune, realtà produttive e soggetti di rappresentanza territoriale, per promuovere progetti di “gestione” condivisa del territorio, quale bene comune, attraverso iniziative che alla qualità formale coniughino sostenibilità economica e partecipazione delle comunità locali.
La proposta progettuale ha previsto
_la realizzazione di opere di riqualificazione territoriale (area umida e frutteto) funzionali a potenziare i servizi ecosistemici e ‘capitalizzare’ il bene ambientale comune
_il coinvolgimento attivo delle comunità locali anche attraverso l’associazionismo locale, già fortemente strutturato, sia in fase di progetto che di gestione degli interventi realizzati
_attività di comunicazione, educazione, sensibilizzazione entro un programma di eventi che ha visto il coinvolgimento sia delle comunità locali sia degli attori territoriali (aziende agricole)
La progettualità ha permesso inoltre di definire un preciso margine urbano alle località Grumello del Piano e Colognola e di innescare ulteriori iniziative di valorizzazione quali la proposta di un itinerario ciclopedonale tra le due località e l’osservatorio per la biodiversità realizzato dai ragazzi del Landscape School ‘I Maestri del Paesaggio 2019’.

Parole chiave: Ecologia, Comunità, Paesaggio